Viaggio per Viaggiare...

pubblicata il 24 Gennaio 2013

...io viaggio non per andare da qualche parte, ma per andare. 
Viaggio per viaggiare...

(Robert Louis Stevenson)
 


Chi non ha mai letto i famosi racconti di Melville o di R. L. Stevenson sulle leggende dei mari del sud o non è mai rimasto affascinato dalle famose tele di Gauguin? L'Oceano Pacifico è un mondo tutto da scoprire: non solo una distesa di blu dalle mille tonalità in cui immergersi ma anche l'incredibile entroterra che alcune isole custodiscono.

Polinesia Francese...è sufficiente sentirne pronunciare il nome per essere catapultati in una dimensione quasi surreale fatta di caldo, verde lussureggiante, cieli limpidi e calde acque turchesi pronte a svelare i loro segreti sottomarini. 
Ma questo insieme di piccole terre emerse non regala solo indimenticabili soggiorni balneari, Tahiti e Moorea - soprattutto - consentono anche di muoversi alla scoperta delle bellezze di questi piccolissimi "eden" che punteggiano l'Oceano Pacifico. La prima, culla della tradizione polinesiana, è animata da mercati e mercatini, negozi di artigianato e musei; ma è il magnifico interno a lasciare veramente a bocca aperta: le grandiose cascate 
Farumai, la grotta di Maraa con il laghetto dove era solito bagnarsi Gauguin e il lago Vahiria. Moorea, invece, sembra essere lontanissima dal rumore e dalla vita commerciale di Tahiti, questa è l'isola più verde, con incredibili picchi a strapiombo su acque cristalline e due profondi fiordi che formano due baie stupende: Cook e Opunohu. Qui si respira il fascino dell'antica nobiltà dei guerrieri ed è possibile ancora oggi assistere a rituali che giungono da un lontano passato. Sempre in tema di tradizioni, ma a Huahine, l'hotel Maitai Lapita Village custodisce al proprio interno un museo legato alla cultura locale che conserva reperti archeologici ritrovati proprio in loco e che risalgono alle antiche tribù aborigene che abitavano le isole.
Sempre ampia l'offerta alberghiera sulla destinazione dai più economici tre stelle (come il Maitai e l'ecoresort Ninamu Beach Resort) ai bellissimi 4 stelle come il Sofitel Bora Bora - che si suddivide tra il Marara Beach ubicato sulla terra ferma e il Private Island, situato su una piccola isola privata a soli 2 minuti di barca, e Bora Bora Pearl Beach Resort - in tipico stile polinesiano - con la nursery per la protezione del corallo; in ultimo, ma non per importanza, gli inconfondibili 5 stelle quali St Regis, Le Meridien, Hilton Bora Bora Nui e Intercontinental Thalasso, Four Seasons e Le Taha'a Island Resort & Spa (membro della prestigiosa Relais & Chateaux).      
Le Fiji si arricchiscono, per l'estate, di due nuove strutture: il Fiji Orchid e il Navutu Stars. Il primo era la residenza di Raymond Bur - più conosciuto come l'avvocato Perry Mason - grande appassionato di orchidee tanto da aver creato un meraviglioso coloratissimo giardino con questi fiori. La parte centrale dell'hotel è la villa dell'attore, cui fanno da cornice sei magnifiche "bure", lussuose sistemazioni con la struttura esterna simili a tende. 
Il Navutu Stars Fiji, è invece un ecoresort, proprietà di Italiani che ha fatto dell'eco-sostenibilità il proprio punto di forza: la struttura infatti è dotata di pannelli solari, di un orto biologico, di un sistema di raccolta dell'acqua piovana e promuove un progetto per la protezione e rigenerazione dei coralli.
La Nuova Caledonia - meta sulla quale Hotelplan si distingue per essere stato tra i primi operatori a metterla in programmazione - si caratterizza per essere una destinazione non solo balneare. Fa talvolta pensare ad un'Australia in miniatura, tanto numerosi e variegati sono i paesaggi che vi si possono incontrare: terre rosse, montagne, pianure, foreste che custodiscono piante che risalgono addirittura all'epoca preistorica, e poi una barriera corallina incontaminata. 
Interessantissime escursioni e un fly&drive (con soggiorno balneare alla fine) di 15 giorni consentono di andare alla scoperta del paese. Inoltre, vicino a Noumea, ha aperto l'Escapade Island Resort, unica struttura alberghiera con overwater.   
Infine le Cook, piccoli paradisi che possono essere considerati "alla fine del mondo". Uno dei pochi luoghi ancora incontaminati della Terra: 15 isole, 18.000 abitanti (di cui oltre i 2/3 a Rarotonga)... facile immaginare come qui sia semplice staccare immediatamente la spina con il mondo! Tra le mete più visitate e apprezzate sicuramente Rarotonga, la principale, e Aitutaki con la sua meravigliosa laguna; mentre la più defilata, ma comunque facilmente raggiungibile, è Atiu
Il resto sono piccoli eden che vivono in un pacifico isolamento. L'arcipelago è la meta balneare preferita dai neozelandesi che solitamente affittano appartamenti e lussuose ville, ma per chi ama i resort di piccole dimensioni, la scelta non può che essere tra i due boutique hotels Pacific Resort di Aitutaki il Little Polynesian Resort di Rarotonga. 


L’unico vero viaggio verso la scoperta non consiste nella ricerca di nuovi paesaggi, ma nell’avere nuovi occhi...!

(Proust)